Con le belle voci di Tosca e Venturiello s’alza il sipario sulla Quinta Praticabile

Pare ancora di sentirla cantare sul palco dell’Ariston in quella bella interpretazione (non solo musicale) de Il Terzo fuochista che le valse il settimo posto al Festival di Sanremo del 2007. Un brano che, senza forse, era degno del podio, con quelle suggestive reminescenze felliniane. Ma si sa, come recita un vecchio adagio «Sanremo è Sanremo». E a farla da padrona troppo spesso sono le canzonette. Lei però, Tosca, insieme al suo compagno, l’attore, doppiatore e regista Massimo Venturiello, sembra non preoccuparsene più di tanto: in fondo di platee che apprezzano i loro lavori ce ne sono eccome.
Una di queste sarà sicuramente quella del Teatro Instabile di via Cecchi 19/R. Sul palco del quale i due grandi artisti si esibiranno oggi alle 20.30 non certo per una serata qualunque ma per l’inaugurazione della stagione teatrale della scuola di recitazione per ragazzi «La Quinta Praticabile», di cui Tosca e Massimo sono grandi amici.
Proprio Il terzo fuochista sarà tra i protagonisti del recital di questa sera I Musicanti - Sonata a Cosimina, lo spettacolo-concerto di grande successo in tutta Italia che, nelle parole di Venturiello, «intreccia prosa, musica e memoria e che, miscelando straordinarie musiche e canti di varia provenienza, dà vita ad un racconto che sa di paese, di banda e di festa». Recital che sarà preceduto da 451, rappresentazione di un gruppo di allievi della Quinta Praticabile.
Un legame solido quello fra Tosca, Massimo Venturiello e la Quinta Praticabile. E proprio due allievi di questa scuola, Mattia Baldacci e Virginia Ruspini (protagonisti nelle scorse edizioni di Ti lascio una canzone, ndr) faranno parte del cast di Oltre il muro, lo spettacolo diretto da Massimo che si richiama al film del regista francese Les Choristes. I ragazzi della Quinta Praticabile non hanno bisogno di essere «domati» come i protagonisti del film di Barratier, ma di certo da due professori come Massimo e Tosca avranno molto da imparare.