Ben Ammar «gira» frequenze a Mediaset

da Milano

Dopo Tim e H3G, anche Europa Tv si unisce al progetto Mediaset di lancio della nuova tecnologia Dvbh (Digital Video Broadcast Handheld) che consentirà all'Italia di avviare nella seconda metà del 2006 la prima offerta commerciale di tv mobile in Europa. Il gruppo del Biscione ed Europa Tv - la società controllata da Holland Italia dell'imprenditore Tarak Ben Ammar e dall'emittente televisiva francese TF1 - hanno infatti raggiunto un accordo che prevede, dopo le necessarie autorizzazioni delle autorità competenti, la cessione a Mediaset delle infrastrutture e delle frequenze digitali che verranno integralmente dedicate alla nuova rete Dvbh, la tecnologia che consente di vedere la tv sul telefonino in digitale terrestre. L'accordo prevede inoltre che Europa Tv, ottenute le necessarie autorizzazioni, potrà detenere una quota di minoranza della società controllata da Mediaset che gestirà la nuova rete digitale di trasmissione. Europa Tv avrà anche un’opzione per rendere disponibile sulla mobile tv uno dei suoi canali televisivi. «Si conferma quindi la vocazione non esclusiva del progetto di lancio della rete Dvbh nato dall’accordo Mediaset-Tim - afferma la società in una nota - proseguito con quello Mediaset-H3G e oggi ulteriormente allargato dall’ingresso di Europa Tv con i suoi asset editoriali e tecnologici. Procedono intanto i contatti con gli altri operatori del settore con l’obiettivo di offrire un servizio di tv mobile aperto, efficiente e ricco di contenuti per tutti i telespettatori», conclude la nota di Mediaset.