Bene antipiretici e gli estratti di alcune piante

La ricetta contro l'influenza è semplice. Eppure il più delle volte è ignorata o liberamente interpretata. È importante rimanere a letto, al caldo e se c’è febbre ricorrere a un farmaco antipiretico. «Vanno bene i medicinali di automedicazione che riducono i sintomi - precisa Fabrizio Pregliasco -, in qualche caso sono necessari gli antivirali ma solo dietro indicazione del medico». Gli antibiotici non servono, mentre i vecchi rimedi della nonna possono aiutare, come il latte caldo con il miele che «è un buon fluidificante», oppure le spremute d’arancia «perché le vitamine sono sempre utili». Altri rimedi come il Propolis, considerato dai naturopati un antibiotico naturale, e come il Ribes Nigrum, un antinfiammatorio, servono a poco. «In generale non ci credo - precisa lo specialista - se proprio si vuole fare una scelta alternativa meglio l'Echinacea». Le radici di questa pianta hanno un effetto immunostimolante. Rimedio antinfluenzale molto diffuso, non va usato però per lunghi periodi altrimenti può provocare allergie. Prescrivendo Echinacea, Uncaria Tormentosa e Astragalo, il dottor Fabio Firenzuoli, direttore del Centro di medicina naturale dell'ospedale di Empoli, riesce a proteggere da raffreddore, mal di gola e influenza.