Bene i bancari, in discesa Fonsai

Dopo le cessioni sale Mariella Burani

Giornata positiva per Piazza Affari, maglia rosa in Europa, con il Mibtel che ha chiuso in rialzo dello 0,45% e lo S&P/Mib dello 0,48%. Cenerentola del listino principale è stata Telecom Italia che in giornata è arrivata a perdere oltre sei punti percentuali, recuperando poi terreno in chiusura di seduta (-3,67% a 1,10 euro). I titoli bancari hanno viaggiato su due velocità differenti con il Banco Popolare in rialzo del 2,42% mentre nel versante opposto Ubi Banca è scesa dell’1,05%. Bene Banca Popolare di Milano (+1,77%), Unicredit (+0,83%) e Mediobanca (+0,20%). Giù Banca Mps (-0,31%), al palo invece Intesa Sanpaolo (+0,05%). Segno meno per le assicurazioni con Unipol (-1,21%) e Fondiaria Sai (-3,48%), quasi invariata Generali (+0,09%). Tra i titoli del listino principale, in calo Seat Pagine Gialle (-1,09%) dopo aver registrato un aumento della perdita nei primi sei mesi 2008. I conti semestrali in crescita hanno invece premiato il titolo Ducati (+3,23%). In rialzo Mariella Burani (+0,40%) dopo aver annunciato il closing della vendita del 49% della divisione borse e accessori della controllata Antichi Pellettieri a 3I. Hanno chiuso invece contrastate le principali Borse europee. I listini del Vecchio Continente hanno risentito dell’andamento negativo di Wall Street. Londra è arretrata dello 0,16%, Francoforte dello 0,27% mentre è salita dello 0,20% Parigi. Il rialzo del prezzo del petrolio, che ieri ha toccato nuovamente i 120 dollari al barile, ha portato al ribasso le compagnie aeree con British Airways (-4,9%) e Air France (-4,6%). Segno positivo invece per i petroliferi: Bp (+2,1%), Royal Dutch Shell (+0,49%) e Total (0,25%).