«Bene i nuovi, ottimi i tre punti»

«Vittoria importante per la classifica, per il morale e forse per qualcosa d’altro ancora». Sono le parole del vicepresidente rossoblù Giambattista Pastorello che accoglie come una liberazione il fischio finale dell’arbitro. Assente il presidente Preziosi (mentre in tribuna torna a far capolino Enrico Musso, candidato sindaco del centrodestra) tocca a lui sottolineare l’importanza del successo sul Modena: «La squadra soprattutto nel secondo tempo si è mossa bene e poi non dimentichiamoci che eravamo in emergenza. Si tratta di tre punti pesantissimi». Soddisfatto anche il tecnico Giampiero Gasperini: «Abbiamo vinto bene. Nel senso che questo successo lo abbiamo voluto a tutti i costi interpretando al meglio il match. I nuovi entrati come Carobbio e Gasparetto mi sono piaciuti, ma anche Di Vaio l’ho visto in crescita. Forse nel finale in un paio di circostanze poteva essere più lucido». Non c’è dubbio che a cambiare la partita sia stato l’ingresso di Gasparetto che ha anche segnato il gol vittoria. Gasperini spiega la mossa: «È un attaccante che sa giocare per la squadra. Lo faceva nell’Empoli e lo farà anche qui. Il gol è il giusto premio della sua prestazione, ma avete visto che Di Vaio è rimasto come punta centrale creando non pochi problemi alla difesa del Modena». Elogi dal mister anche per Milanetto: «Abbiamo provato fino a pochi minuti dall’inizio della gara a schierarlo, ma abbiamo preferito non rischiare. Milanetto però si è fatto trovare pronto e ha dato un contributo notevole al successo».
Tanti assenti, un po’ di nervosismo dopo quanto accaduto a Rimini, ma il Genoa ha saputo reagire: «Eravamo in emergenza - spiega Gasperini - ma il gruppo ha saputo fare quadrato e giocare una prestazione più che accettabile. La classifica non la guardo perché è troppo presto, ma abbiamo una rosa per fare strada». L’uomo del giorno vale a dire Gasparetto, è felicissimo: «Sono qui per dare una mano alla squadra. Sono contento del gol, ma soprattutto di questi tre punti fondamentali».