Bene Intek e Kme Ubi in affanno

Seduta quasi invariata per il listino di Piazza Affari con l’indice Ftse Mib che segna un rialzo dello 0,07%, a 16.071 punti (+0,06% il Ftse All Share). In affanno il credito con Ubi che ha ceduto il 5,02% sulla scia delle voci che vogliono l’istituto sotto la lente di Bankitalia per la controllata Banca 24-7, specializzata nei finanziamenti ai consumatori e alle famiglie. Male anche Fonsai (-4,3%) e Bpm (-4,52%) seguite da Banco Popolare (-1,46%) e Mediobanca (-1%). In controtendenza Intesa Sanpaolo (+0,39%) e Unicredit (+0,92%).
Volano, invece, Intek (+33,5%) e Kme (+25%) dopo il riassetto annunciato martedì notte. Bene anche Prysmian (+2,7%), che si è aggiudicata una commessa in Brasile per conto di Tim. Rialzo del 2% per le Fiat Industrial, mentre Fiat Spa ha perso lo 0,85% ed Exor finisce in parità. Timido rialzo (+0,28%) per Snam Rg che ha registrato nei primi nove mesi dell’anno un utile in calo del 33,5% per effetto della Robin Hood tax. Giù Saipem (-0,85%), nonostante la crescita dell’utile nei nove mesi. In rialzo, infine, Amplifon (+1,84%).