Bene le Telecom

Piazza Affari ha chiuso in ribasso, in linea con l’andamento delle altre Borse europee. Si è interrotto, almeno per ora, un trend positivo che durava da un paio di settimane, con gli indici ai massimi dell’anno in corso; anche ieri il Mibtel è calato dello 0,3%, mentre limature superficiali tra lo 0,11 e lo 0,16% sono state accusate dagli indici Comit e Mediobanca. Gli scambi sono ritornati su livelli sostenuti, per un controvalore di 4,8 miliardi. Irregolare il comparto dei bancari, l’interesse del mercato si è rivolto ai titoli telefonici, dopo la notizia che il numero uno del gruppo Telecom è intervenuto con acquisti sul mercato. Telecom ordinarie hanno guadagnato l’1,3%, e le risparmio si sono apprezzate di oltre il 2%. È cresciuto anche l’interesse per i titoli energetici perché, oltre alle tensioni per l’aumento dei prezzi del greggio, ha contribuito la notizia di un dividendo straordinario per Snam rete gas che ha fatto impennare il titolo di quasi il 6%. Nei bancari permane l’interesse per le azioni del risparmio gestito, ma si è mossa anche Montepaschi (più 1,9%), mentre galleggiano i titoli del risiko bancario. È proseguito il rialzo delle Ras risparmio (più 10,6%), ma crescono anche Immsi (più 7,7%) e Retelit (più 3,6%).