«Benedetto XVI ha valorizzato i diritti dell’uomo»

Il direttore della Sala stampa vaticana: «Nelle sue parole c’è solo la ricerca del dialogo»

da Roma

Durante la sua visita in Germania il Papa «ha evidenziato il ruolo della cultura cristiana nella valorizzazione dei diritti dell'uomo e della giustizia sociale» e «ancora una volta, la Sua voce si è levata a difesa di una società libera ed onesta, infondendo in tutti fiducia e speranza». Questo il messaggio inviato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano a Benedetto XVI in occasione del rientro dal viaggio apostolico in Germania.
Le polemiche sul Corano hanno invece trovato scarsa eco tra i politici. Per Roberto Calderoli (Lega Nord) le reazioni «aggressive e stizzite» alle parole di Benedetto XVI sono giunte «non da un Bin Laden o da un Al Zawahiri, o al limite dal solito Ahmadinejad, ma da esponenti del mondo islamico di aree che vengono definite moderate e che hanno ruoli di rilevanza all'interno delle loro comunità, anche in Europa». Perciò non si può che «dubitare sul fatto che possa esistere un Islam moderato». «Le parole del Santo Padre - affonda Calderoli - rappresentavano una mano tesa e un messaggio di dialogo con il fine primario della pace, ma anche in questa occasione ad una carezza hanno subito risposto con uno schiaffo».