Benefattore regala le vacanze a cento nonni

Soggiorno in hotel di due settimane per gli anziani soli

Anziani soli, e magari depressi proprio a causa della solitudine. Anziani che non vanno in vacanza da anni. A loro ha pensato il benefattore che ha messo una mano sul cuore e una sul portafogli e ha deciso di regalare a qualcuno di loro un’estate più sorridente. Ben cento anziani, soprattutto indigenti, potranno infatti trascorrere due settimane di vacanze gratis grazie a un progetto dell’Associazione Seneca, finanziato da un benefattore privato. Si tratta di un esperimento pilota, rivolto agli anziani soli di Milano. Potranno soggiornare a giugno e luglio per quindici giorni in una casa-albergo sulle colline della provincia di Brescia, al fresco e in compagnia.
L’associazione Seneca ha dato vita a questa iniziativa all’interno del «Piano anticaldo» promosso dall’assessorato alla Famiglia del Comune di Milano. L’esperimento è rivolto soprattutto ad anziani che si trovano in queste condizioni: sono indigenti, semiautosufficienti, sono rimasti esclusi dai soggiorni previsti da Palazzo Marino per il sovrannumero delle richieste pervenute, non si recano in villeggiatura da anni, sono in convalescenza e in situazione domiciliare precaria, versano in stato di depressione a causa della solitudine. I volontari di Seneca hanno sperato in un «angelo» che accettasse di sobbarcarsi la spesa, e lo hanno trovato in carne e ossa.