È la beneficenza l’ultimo trucco dei truffatori

Continua a Genova l’impressionante sequenza di truffe agli anziani iniziata la settimana scorsa.
L’ultimo episodio è avvenuto ad Albaro dove una donna di 71 anni ha consegnato 27mila euro a una finta benefattrice. Avvicinata mentre passeggiava due giorni fa, la malcapitata ha creduto a tal punto alle belle parole sulla beneficenza della giovane da andare a ritirare in banca il denaro da consegnarle. La sconosciuta ha naturalmente fatto perdere le sue tracce, subito dopo essersi impossessata della somma. La vittima, invece, sotto shock, ha aspettato quasi due giorni prima di porgere denuncia.
L’espediente della donazione era già stato usato mercoledì scorso a Castelletto. Due truffatrici avevano avvicinato una pensionata con la scusa di cercare un deposito di medicinali sempre a fini di beneficenza, fingendo poi di dover trovare e pagare urgentemente un notaio per portare a termine il proprio compito. La donna, impietosita e soprattutto confusa da un movimentato viaggio in macchina con le due malintenzionate, aveva così ritirato in banca diecimila euro per diventare depositaria dei farmaci.
Una truffa ancor più fantasiosa si era registrata nel fine settimana quando un genovese di 70 anni si era fatto scippare le chiavi di casa da un’avvenente cinquantenne che, dopo i saluti di cortesia, si era messa a palpeggiarlo con insistenza fino a fargli rivelare anche il suo indirizzo di residenza, nel quartiere di San Fruttuoso. Al ritorno a casa l’anziano non aveva più trovato i 100mila euro che custodiva nell’appartamento, ridotto nel corso del furto a un ammasso di effetti eprsonali in disordine.
Il caro vecchio trucco del finto agente di polizia, infine, era costato a un’ottantenne di Sampierdarena, il 17 settembre scorso, il suo piccolo tesoro di gioielli antichi e 30mila euro in contanti. Parlando con l’uomo, la donna si era sì accorta delle sue cattive intenzioni, ma non era stata sufficientemente svelta da fermarne la fuga.
Insomma, cambiano le modalità ma le truffe agli anziani non accennano proprio a diminuire. Se poi è vero, come ha reso noto ieri la Commissione europea, che Genova è dopo Trieste la città più vecchia d’Europa con il 26,7% di residenti over 65, c’è solo da sperare che i delinquenti non si accaniscano. E mettere in allerta sempre di più i soggetti a rischio.