Il benessere di tutti è la nostra sfida

Si apre un anno di sfide importantissime, che riguardano la nostra economia, il nostro stato sociale, la qualità della vita e il benessere del nostro popolo. Sfide che investono l'Italia intera e che noi lombardi, da sempre abituati ad un ruolo creativo e trainante, sentiamo particolarmente coinvolgenti. Le affronteremo insieme con la ragionevole speranza e la calma determinazione di chi sa di poter puntare su una risorsa fondamentale: la persona, il suo radicamento in una tradizione - quella lombarda, appunto - fatta di saggezza e di laboriosità, la sua appartenenza a una cultura di intrapresa e di solidarietà. È questo il capitale umano, da valorizzare e far crescere se vogliamo stare nella competizione mondiale da protagonisti di un futuro buono per tutti. Altro che rassegnazione al declino!
Auguro a me stesso e a tutti i lombardi di rinnovare la consapevolezza di avere in sé questa risorsa e questa speranza.
Io e il mio Governo regionale continueremo con rinnovato slancio, lo garantisco, a porre la persona al centro delle nostre politiche, a sostenere la sua possibilità di essere protagonista nella vita della società. La persona: dunque la famiglia, le aggregazioni, il non profit, le imprese.
Dieci anni intensi di guida della Lombardia non ci hanno tolto il gusto di questo compito, anzi. Sono come il grande trampolino verso le compiute realizzazioni, già nel 2006, di moltissimi progetti preparati e messi in cantiere. Investimenti sulle forme più moderne e avanzate di istruzione, di formazione, di ricerca e di innovazione tecnologica. Sostegno a un mercato del lavoro che dia più garanzie dentro la necessaria flessibilità. Un sistema fieristico finalmente all'altezza della competizione mondiale, con il grande Polo di Rho-Pero a pieno regime (...)