La Bengala trova palline di silicone nelle olive

Era andata con il fidanzato a cena in un ristorante di Trastevere. Mentre mangiava gli antipasti, a base di crocchette, supplì e frittelle, si è accorta che c’era qualcosa che non andava. Nelle olive ascolane c’erano degli «intrusi»: palline di silicone. Protagonista della disavventura l’ex Miss Italia Nadia Bengala. A denunciare l’accaduto è stata l’associazione per la difesa dei consumatori Adoc, alla quale l’attrice originaria di Siracusa si è rivolta. A raccontare lo «spiacevole accaduto» è stata proprio la showgirl, incoronata regina della bellezza italiana da Fabrizio frizzi nel 1988 e protagonista di due film per il cinema, «Pierino torna a scuola» e «Gli inaffidabili» e uno per il piccolo schermo, «Le ragazze di Miss Italia» di Dino Risi. «Mentre mangiavamo gli antipasti - ricorda - il mio fidanzato si è accorto che c’era qualcosa di strano nelle olive. Inizialmente ha pensato fosse un pezzo di grasso, poi si è reso conto che era una pallina di silicone. Abbiamo fatto finta di nulla continuando a cenare, ma dopo pochi istanti la stessa cosa è accaduta con un’altra oliva». Non è escluso che l’ex miss Italia possa avere ingerito inavvertitamente, viste le ridotte dimensioni, una delle «intruse» finite non si sa come nella frittura.
Bengala ha chiamato subito il cameriere per lamentarsi: «Ci è stato spiegato - ha aggiunto - che l’unica cosa che il ristorante non prepara sono proprio le olive ascolane. Le acquistano congelate, mentre il resto esce direttamente dalle loro cucine. Il titolare del locale non è neanche venuto a parlarci, è stato il mio fidanzato che l’ha raggiunto. Abbiamo regolarmente pagato e siamo andati via». La show girl, comunque, non intende denunciare il fatto alle forze dell’ordine, ma ha voluto sollevare la questione per evitare che episodi analoghi si ripetano in futuro.