Bengalesi come sardine in 80 mq

Diciassette bengalesi, dei quali 13 senza permesso di soggiorno, che vivevano in precarie condizioni igienico sanitarie, ammassati in brande a castello e materassi sul pavimento, sono stati trovati dalla polizia in un appartamento di 80 metri quadrati al quinto piano di uno stabile in via Cesena, al Tuscolano. Il controllo degli agenti del commissariato San Giovanni, iniziato all’alba di ieri e scattato dopo un esposto dei condomini, si è concluso con il sequestro dell’abitazione. I 13 bengalesi sono stati accompagnati all’Ufficio Immigrazione e al Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica per gli accertamenti.
In base alle testimonianze degli immigrati, i poliziotti hanno contestato agli affittuari dell’appartamento, anch’essi bengalesi, 15 violazioni amministrative della legge «antiterrorismo» che prevede sanzioni pecuniarie fino a 1100 Euro per persona ospitata e non denunciata. Inoltre, i titolari del contratto di affitto sono stati denunciati per favoreggiamento della permanenza di immigrati clandestini. La proprietaria è stata accusata di concorso nel reato di favoreggiamento.