Benitez: «Non è bastato fermare Seedorf e Kakà»

«Il Milan ha dimostrato più esperienza. Purtroppo Inzaghi ci ha rovinato tutto con quel gol alla fine del primo tempo». Xabi Alonso: «Così va il calcio...»

nostro inviato ad Atene

Il banco è saltato all’ultimo minuto del primo tempo. Fino a quel momento, e sarebbe potuto andare vanti all’infinito, il Liverpool aveva messo la museruola al Milan. La tattica di Benitez ancora una volta stava pagando. Poi un colpo di braccio, un’invenzione di uno stregone ha vanificato tutto. Rafa Benitez non fatica a nascondere la delusione, per come è venuta la botta è stata dura. Non dimentica il fair play, però. «Complimenti al Milan, mi sono congratulato con Ancelotti e Tassotti. Anche questa volta hanno dimostrato d avere più esperienza di noi». E la parte più dolce delle sue parole, perché il resto lo dedica ai suoi: «Dovevamo, potevamo fare molto di più nel primo tempo. Per come avevamo impostato la partita ne avevamo tutte le possibilità. Prendere un gol all’ultimo minuto non è mai bello, ma almeno in questa occasione non abbiamo avuto alcuna colpa».
Si passa una mano sulla fronte, ripetere Istanbul era il suo sogno, ma questa volta nemmeno l’urlo dei Reds è riuscito a capovolgere un destino segnato da quel colpo di braccio di Inzaghi: «Noi abbiamo fatto troppa fatica in fase di attacco, avevamo preparato nei minimi particolari la partita. Poi Inzaghi ha rovinato tutto...».
Aspettata, arriva la domanda su Crouch. Il gigante grissino ha guardato più di metà partita dalla panchina, possibile che quel Liverpool così stitico non giustificasse la sua entrata? I giornalisti inglesi non ci mettono molto a farglielo notare, ma lui non fa una piega: «Crouch l’ho messo in campo quando mi sono reso conto che con una punta sola non ce l’avremmo mai fatta a recuperare. Non ce l’abbiamo fatta ugualmente, ma non ho nulla da rimproverarmi».
Il secondo morso di Inzaghi, quello, ha tagliato definitivamente le gambe al progetto: «Abbiano provato a giocare in modo più offensivo, ma non è servito a niente. E pensare che eravamo riusciti ad imbrigliare Kakà e Seedorf con un grande lavoro a centrocampo».
Fin qui Benitez. Reina e Xabi Alonso hanno una faccia che tocca terra per la delusione. Voi a Istanbul, il Milan ad Atene: esiste una giustizia nel calcio? Risponde Alonso: «No la giustizia non esiste. Il calcio è fatto di episodi. E il gol di Inzaghi è lì a dimostrarlo. Volevamo creare massa a centrocampo, stava andando tutto bene. Poi quella deviazione...». Già, un episodio, ma non ditelo a Inzaghi.