Benjamin Button e Millionaire fanno il pieno di candidature La Jolie se la vedrà con Meryl Streep, Penn con Mickey Rourke Fra i non protagonisti in corsa Heath Ledger, morto un anno fa

Los AngelesIl curioso caso di Benjamin Button di David Fincher e Millionaire di Danny Boyle sono i film da battere quest’anno agli Oscar. Con tredici nomination il primo e dieci il secondo, svettano in testa a una lista senza troppe sorprese che conferma le tendenze già segnalate dai Golden Globes. Vincerà il piccolo film indipendente girato a Mumbai con attori indiani o il filmone hollywodiano con Brad Pitt e Cate Blanchett?
Oltre a Millionaire e Il curioso caso di Benjamin Button, a contendersi la statuetta per il miglior film del 2008 saranno Frost/Nixon di Ron Howard, Milk di Gus Van Sant, e The Reader di Stephen Daldry. Coerentemente, l’Academy ha nominato tutti i registi di questi film anche nella sezione migliore regia.
I candidati all’Oscar come come miglior attore protagonista sono Richard Jenkins per L’Ospite inatteso, Frank Langella per Frost/Nixon, Sean Penn per Milk, Brad Pitt per Il curioso caso di Benjamin Button, e Mickey Rourke per The Wrestler. Rispetto ai Golden Globes manca il Leonardo DiCaprio di Revolutionary Road, sostituito da Richard Jenkins, così come la pellicola è stata scalzata da Milk nella categoria miglior film.
In campo femminile le nomination come migliore attrice protagonista onorano Anne Hathaway per Rachel sta per sposarsi, Angelina Jolie per Changeling, Melissa Leo per Frozen River, Meryl Streep per Il dubbio, e Kate Winslet per The Reader.
Nella categoria attori non protagonisti la sfida sarà tra lo scomparso Heath Ledger (Il Cavaliere oscuro), Josh Brolin (Milk), Robert Downey jr. (Tropic Thunder), Philip Seymour Hoffman (Il Dubbio), e Michael Shannon per la sua interpretazione-rivelazione in Revolutionary Road.
In campo femminile le nomination sono andate a Amy Adams (Il Dubbio), Penelope Cruz (Vicky Christina Barcelona), Viola Davis (Il Dubbio), Taraji P. Henson (Il curioso caso di Benjamin Button), e Marisa Tomei (The Wrestler).
I candidati per la migliore sceneggiatura originale sono Frozen River, Happy-Go-Lucky, In Bruges, Milk e Wall-E. Una nomination importante per il geniale film di animazione di casa Pixar, quasi un premio di consolazione per non essere riuscito a infiltrarsi nella categoria di miglior film, e di doversi accontentare, assieme a Bolt e Kung-Fu Panda, della candidatura come miglior film di animazione, una categoria secondo molti ormai troppo riduttiva.
Si contenderanno la statuetta per il miglior film straniero La banda Baader Meinhof (Germania), La classe (Francia), Valzer con Bashir (Israele), Departures (Giappone) e Revanche (Austria). E l’Italia, già esclusa da questa competizione (Gomorra di Matteo Garrone non ha superato le eliminatorie dell’Academy), quest’anno non ha ottenuto nessuna nomination nemmeno in campi come costumi, scenografie o fotografia, in cui recentemente è sempre stata ben rappresentata.
L’appuntamento con la cerimonia degli Oscar è per il 22 febbraio prossimo. E nella speranza di resuscitare gli indici di ascolto televisivi sempre più anemici, la conduzione della serata è stata affidata per la prima volta all’attore, cantante e ballerino Hugh Jackman, divo hollywoodiano e star del teatro musicale di Broadway, nonché, secondo la rivista People, uomo più sexy del mondo.