Benni sale sul podio per dirigere la «protesta» corale degli insetti

Un Concerto apocalittico per grilli e orchestra. L’appuntamento con questo misterioso spettacolo è per domani, all’Auditorium. La mente brillante che ha dato vita al magico intruglio teatral-musicale è quella di Stefano Benni. Un testo ironico e, naturalmente, apocalittico, in cui gli insetti prendono la parola in un’invettiva ecologica sui destini del mondo. Grazie al gioco di costumi, luci, melodie e caratterizzazioni della voce, lo scarafaggio e il ragno, il grillo e la zanzara, l’ape e la farfalla si alternano sul palco, narrando e cantando il mondo visto dalla loro parte, dipingendo un futuro sorprendente e difficile da immaginare.
Lo spettacolo è già andato in scena, riscuotendo notevole successo, in una prima versione con Antonio Albanese, al Piccolo Teatro di Milano. All’Auditorium, il Concerto apocalittico prenderà nuova vita nell’interpretazione dello stesso Benni, autore del testo. Il protagonista sarà accompagnato da Danilo Rossi, prima viola della Scala, e da un’orchestra d’archi di quindici elementi. In questa nuova versione, la selezione musicale curata da Danilo Rossi tocca Rossini, Cajkovskij, Thelemann e Britten, ma a ogni rappresentazione si aggiungono e si sperimentano nuove partiture.
Stefano Benni e il teatro hanno una frequentazione di lungo corso. Le sue capacità narrative e la sua ironia hanno spesso ispirato pregevoli trasposizioni teatrali. Tra le più recenti, la versione de Il bar sotto il mare con un ipercinetico Fabio De Luigi come protagonista, che ha arricchito la stagione scorsa dell’Ambra Jovinelli. Per l’occasione, De Luigi diede una definizione di Benni che ben delinea il suo stile: «di lui mi piace la capacità di scrivere in modo surreale attingendo dal mondo reale».
Di tanto in tanto, dunque, Benni si diverte a essere protagonista anche in scena, dando vita a fantasiose rappresentazioni come quella che allieterà il pubblico dell’Auditorium. Ai fan dello scrittore bolognese, si consiglia vivamente di curiosare nel nuovo album di John De Leo, Vago svanendo. Nel dvd allegato troveranno Narrangonien, una perla seminascosta del loro autore preferito. Il Concerto apocalittico chiude il ricco programma di «coScienza globale», ovvero l’edizione 2008 del Festival delle Scienze, che ha riscosso notevole successo.