Benvenuto, il giornalista con il vizio di Sampierdarena

Chiamatelo l’exploit, la sorpresa o come volete ma i 162 tagliandi che hanno più meravigliato sono quelli per Marco Benvenuto, giornalista caporedattore dell’emittente televisiva Telecity- 7 Gold che da tempo si è impegnato per le battaglie civiche del quartiere di Sampierdarena.
Lo ha fatto attraverso il telegiornale che dirige ma anche attraverso il social network Facebook dove ha fondato e gestisce un gruppo che porta discussioni sui problemi del ponente.
Un giornalista votato come politico. Come la mettiamo?
«Sono tagliandi molto graditi perché arrivano per il municipio Centro Ovest. Un piacere anche perché considero l’iniziativa del Giornale bellissima: ha stimolato e ha dimostrato che ci sono tante persone pronte a mettersi in gioco»
Un premio anche al suo modo di fare informazione, differente per quello che si vede sul piano delle emittenti locali?
«Un po’ di garbo ma senza peli sulla lingua. Indaghiamo sulle notizie che diamo e approfondiamo. Non ci facciamo trovare impreparati»
Una informazione con Sampierdarena al centro...
«Non nascondo che il quartiere ci stimola»
Il «botto» lo ha fatto con Facebook e il gruppo dei Sampierdarenesi
«In un anno abbiamo raggiunto i 1.220 iscritti. Sono persone che si confrontano sui problemi del quartiere, stimolano discussioni, denunciano situazioni sulle quali le istituzioni intervengono. “I Sampierdarenesi” vengono ascoltati dalle istituzioni, in particolare dal Municipio: siamo di stimolo alla politica»
I tagliandi del Giornale sono un gioco ma se le chiedessero di scendere in campo per Sampierdarena?
«Resterei solo se ricevessi il 60 per cento dei consensi. Scherzi a parte, dico no. Ognuno fa il suo mestiere»
Ma se fosse presidente su quali temi si impegnerebbe?
«Sicurezza, ripresa delle attività commerciali e rivalutazione del peso economico del Centro Ovest. Non condivido la scelta di ghettizzare il ponente».