Beppe Grillo: clonato il blog

Il comico genovese ha dato incarico al suo avvocato di sporgere querela contro i responsabili di un sito che sfrutta il suo nome, e i suoi video, per ragioni commerciali, con inserzioni pubblicitarie e giochi online

Milano - E' arrabbiato nero Beppe Grillo. Ma stavolta non ce l'ha con i politici, suo bersaglio prediletto. E' arrabbiato per una questione d'immagine e di diritti. Ce l'ha con il sito beppegrillo.tv che nulla ha a che fare con il suo blog, beppegrillo.it, che da anni è uno dei più cliccati al mondo. Il comico genovese è imbufalito perché qualcuno, a sua insaputa, ha registrato e pubblicato un sito sfruttando il suo nome e mettendovi inserzioni pubblicitarie e giochi online.

Querela contro ignoti Grillo ha subito dato incarico al suo avvocato, Enrico Grillo, di sporgere querela in procura a contro ignoti ipotizzando i reati di diffamazione e plagio. La notizia è stata anticipata dal quotidiano Corriere Mercantile. Ciò che ha fatto arrabbiare Grillo - sottolinea il suo legale - è soprattutto la pubblicità che viene venduta associata al suo nome, più che il plagio delle numerose invettive pronunciate dai palchi di tutta Italia.

Offesa l'onorabilità Associare un certo tipo di pubblicità al nome di Grillo offenderebbe l’onorabilità del comico. Inoltre i testi degli spettacoli di Grillo sono coperti da copyright, anche se Beppe Grillo cede gratuitamente il materiale presente sul suo blog (il sesto più cliccato al mondo) ma solo se non sia utilizzato a scopo di lucro.