Beretta, specialista export

Forse non è un caso. Forse non è un caso se il Siena può diventare, a sorpresa, la regina dell’export di questo campionato. I numeri, in questo caso, parlano chiaro. Anzi chiarissimo. Sette punti su 9 conquistati arrivano dai viaggi a Torino (contro Zac), Verona (Chievo) e San Siro (Milan) e questo depone a favore del lavoro svolto dal tecnico Beretta, un milanista doc capace di regalare alla sua nuova squadra il primo risultato utile dopo un paio di sconfitte consecutive a Milano. Il Siena gioca in modo molto quadrato. Occupa il campo ancora meglio. E col suo 4-5-1 riesce ad avere superiorità numerica in mezzo al campo dove di solito il Milan palleggia fitto e prepara i suoi affondi offensivi. In difesa poi, senza grandi nomi, con qualche ragazzo d’avvenire (Rinaudo) è in grado di reggere alle diverse spallate. Stenta in casa, il Siena. Se deve fare gioco, fatica, si espone ai rischi del contropiede e paga tasse.