Bergamo, neonata azzannata alla testa

Versa in gravissime condizioni una bimba nata solo 12 giorni fa, dopo che il cane di famiglia, un dogue de bordeaux di 50 chili, l'ha morsicata improvvisamente alla testa, perforandole la "fontanella cranica". Si trova nel reparto di terapia intensiva

Bergamo - La gelosia è un sentimento che provano anche gli animali domestici. E' con molta probabilità questo il motivo per cui un dogue de bordeaux di 50 chili ha azzannato alla testa una neonata di soli 12 giorni. L'aggressione è avvenuta a Terno d'Isola, dove abitano i genitori della bimba, padroni del cane che fino ad oggi non aveva dato mai segnali di aggressività. La piccola ora è ricoverata in gravissime condizioni all'ospedale: morsicandola, il cane le ha perforato la "fontanella cranica", la membrana che alla nascita ricopre le ossa del cranio che non si sono ancora saldate.

Ricoverata in terapia intensiva Sono stati i suoi familiari ha portare subito la piccola in ospedale, dov’è stata sottoposta a un intervento ed è ora ricoverata in gravi condizioni in terapia intensiva nel reparto di Patologia neonatale degli Ospedali Riuniti: respira da sola e non è intubata, ma le lesioni riportate sarebbero importanti e non si esclude il pericolo di infezioni che potrebbero essere state trasmesse dal morso. Il servizio veterinario dell’Asl ha preso in consegna il cane, che sarà tenuto sotto osservazione per un periodo di dieci giorni, al termine del quale si deciderà sulla sua sorte.