Bergamo regina dei vini bordolesi

Due Igt della Bergamasca hanno sbancato ieri la seconda edizione di Merlot e Cabernet insieme, bella rassegna allestita proprio nella città di Donizetti dal Centro studi assaggiatori, che ha messo sotto naso e palato di decine di giudici del globo intero 137 nettari di taglio bordolese, non solo italiani. A fare saltare il banco sono stati il Donna Marta 2003 di Le Mojole, www.lemojole.it, tenuta di Tagliuno dei Castelli Calepio, e il Serafo 2003 della Tallarini, www.tallarini.com, azienda agricola di Gandosso che, oltre alla gran medaglia d'oro, se ne torna a casa anche con un oro "semplice", assegnato al Valcalepio San Giovannino 2003. Proprio i rossi doc di questa fascia pedemontana tra l'Adda e l'Oglio, gestita con crescente abilità dal consorzio locale, www.valcalepio.org, fanno la parte del leone nella piazza d'onore con 5 medaglie d'oro totali. Tre ori sono andati anche ai tagli della Doc Trentino (come il Quattro Vicariati 2003 di Cavit, unica gran medaglia d'oro l'anno scorso), all'Igt Veneto (il Mansio Servasa 2003 della Cantina Valdadige) e persino all'Igt Sicilia (lo Statale 115 2003 della Rizzuto-Guccione).