Berlino, lo Stato garantisce i risparmi Unicredit vara il piano da 6,6 miliardi

Decisione anti-crisi del governo tedesco per tutelare i depositi dei privati. La Merkel e il ministro delle Finanze al lavoro per salvare la banca Hypo Re e evitare un tracollo del sistema. <a href="/a.pic1?ID=295867" target="_blank"><strong>Berlusconi</strong></a>: l'Italia proporrà all'Ecofin la costituzione di un fondo Ue. <a href="/a.pic1?ID=295866" target="_blank"><strong>Unicredit: via al piano anti-crisi</strong></a>

Roma - Il governo tedesco ha deciso di mettere la garanzia dello Stato su tutti i depositi al risparmio privati. E' questa la prima decisione di Berlino dopo il summit del G4 a Parigi.

La decisione del governo Merkel è stata annunciata dal portavoce del ministro delle finanze Tosten Albig. Berlino si prepara a questa tutela del risparmio privato mentre è alle prese con il tentativo di salvataggio della Hypo Re, istituto di credito coinvolto pesantemente nella crisi dei mutui. Il Cancelliere aveva assicurato poco prima che i risparmi dei tedeschi erano "sicuri" e che lo stato si sarebbe fatto garante dei loro depositi. La copertura finora accordata sui conti presso le banche in Germania aveva un tetto a 20 mila euro, mentre ormai il limite viene di fatto tolto per cercare di tranquillizzare i risparmiatori in un paese dove evocare la tragedia del '29 fa ancora paura perché ricorda la successiva ascesa di Hitler.

Il governo cerca di salvare la Hre "per non permettere che la situazione critica di un istituto trascini nella crisi tutto il sistema finanziario". "Coloro che hanno fatto affari irresponsabili dovrebbero renderne conto", "lo dobbiamo ai contribuenti".

Il ministro delle Finanze Steinbrück si è detto "inorridito", che "il vertice del Hre abbia partecipato a provocare un buco insospettabile di liquidità per miliardi di euro". L'istituto "dovrebbe essere stabilizzato", ha aggiunto, "altrimenti il danno sarebbe significativo non solo per la Repubblica federale di Germania, ma anche per molti dei servizi finanziari con i quali abbiamo collegamenti in Europa". Il governo tedesco sta cercando di trovare un salvagente per la Hre prima della riapertura delle borse internazionali, domani, dopo il fallimento di un piano di aiuto iniziale per la banca di circa 35 miliardi di euro.

Trovato l'accordo per il salvataggio Il governo tedesco e le banche hanno raggiunto un accordo per salvare dal fallimento l'istituto per il credito immobiliare Hypo Real Estate. Lo ha annunciato stasera Jochen Sanio, il responsabile della BaFin, l'equivalente tedesca della Consob. "Abbiamo trovato una soluzione, una buona soluzione".