Berlusconi: «Accordo per l’ok entro il 2006»

Roma. «Dopo la Finanziaria faremo certamente la riforma del risparmio». Attiva dallo stesso Silvio Berlusconi la conferma dell’accordo notturno, al vertice di maggioranza, su due temi importanti del ddl risparmio: il mandato a termine per il governatore, che è stato ridotto da 7 a 5 anni (ma rinnovabile), sarà esteso agli altri tre componenti del direttorio; inoltre, le sanzioni previste per le false comunicazioni sociali dovrebbro ritornare ai livelli decisi dal Senato. Quasi certamente, visti i tempi, sarà necessario un doppio voto di fiducia sul provvedimento. «Vedremo - commenta Berlusconi -: dipenderà anche dall’atteggiamento dell’opposizione». La legge dovrebbe dunque essere approvata entro l’anno.