Berlusconi-Apicella, in arrivo il quarto album

RomaTorna una consolidata coppia del panorama musicale per il filone melodico romantico: Silvio Berlusconi e Mariano Apicella. Non c’è nulla da stupirsi perché il premier insieme al cantautore napoletano, grandi amici prima che partner musicali, sfornano canzoni e si esibiscono in storici duetti da anni.
È lo stesso Apicella a rivelare i primi particolari di questa nuova collaborazione, che darà i suoi frutti il 9 ottobre prossimo quando è prevista l’uscita di un cd con 13 canzoni nuove di zecca, con un unico filo conduttore: l’amore. Niente politica, ovviamente, e per ora un titolo provvisorio: «Con l’amore si può». Non si è spenta dunque l’ispirazione musicale che lega i due, affiatato duetto da quando, dieci anni fa, si sono incontrati per la prima vola all’Hotel Vesuvio di Napoli, durante una cena elettorale.
«“Se tu non fossi tu” sarà il pezzo di punta della compilation - confida il cantautore napoletano -. Sarà venduto anche come singolo, e con il presidente Berlusconi stiamo pensando anche ad un video». Nonostante i rallentamenti della produzione dell’album, dovuti agli impegni politici del premier in questa estate bollente per la maggioranza, Apicella ha dichiarato che «comunque il disco con 13 pezzi uscirà sicuramente il 9 ottobre in tutta Italia. Ora aspetto che passi questa maretta e poi, impegni di governo e politici permettendo, prenderò un appuntamento col premier Berlusconi per definire il tutto». «Molti brani sono già perfettamente a punto» assicura ancora il cantautore. Come è del resto già pronta la canzone da cui si progetta di estrarre un videoclip, magari col Presidente del Consiglio protagonista, che inizia con un accorato «se tu non fossi tu, sarebbe meglio, faresti parte soltanto di un dettaglio...». Chissà a chi pensava il premier mentre componeva questi versi?
Tra gli altri titoli «Ma se ti perdo»; «Quann ’o core» e anche un brano intitolato in inglese, «Stay with me», ma con testo in italiano. Ancora in preparazione invece un pezzo in dialetto napoletano, che tanto piace al premier, ma che non dovrebbe far parte del nuovo album e che si intitolerà «O core dint ’o zucchero».
Questo sarà il quarto disco frutto della collaborazione Berlusconi-Apicella. Il primo uscì nel 2003 col titolo «Meglio ’na canzone» e, distribuito dall’Universal, vendette 45mila copie. Il secondo album, «L’ultimo amore», vide la luce nel 2006, quando ci furono le elezioni amministrative, e conteneva 14 brani tutti con testi scritti da Berlusconi. Sempre nel 2006, anno di grande ispirazione per il premier dal punto di vista musicale, uscì pure «Napoli nel cuore».
Sul lungo sodalizio artistico tra il premier e Apicella potrebbe però addensarsi qualche nube. Si profila all’orizzonte infatti un possibile rivale per Mariano: Salvatore Sorrentino, in arte Sal Da Vinci, cantautore italoamericano che Berlusconi avrebbe sentito cantare nel luglio scorso in Sardegna, apprezzando molto le sue doti canore. Ma Apicella non teme rivali, la collaborazione con il premier, assicura, «resterà in piedi». E nel futuro magari potrebbe esserci pure un trio.