Berlusconi: bonus bebè anche per i non sposati

Il Cavaliere: "Introdurremo un bonus di
1000 euro per quelle famiglie in cui si registra un nuovo nato". I fucili della Lega? "Solo una metafora". Le ronde? "Non le condivido"

Roma - "Introdurremo un bonus di 1000 euro per quelle famiglie in cui si registra un nuovo nato". Lo ribadisce il leader del Pdl Silvio Berlusconi, in un’intervista alla tv romana "Romauno". E a chi gli chiede se bonus possa essere erogato anche per chi non è sposato, il premier in pectore risponde: "Sì, per la nascita di un bambino le spese ci sono comunque. È giusto che i soldi siano conferiti alla mamma che deve affrontare le spese di un bambino nei primi mesi di vita, che non sono poche".

"Fucili della Lega? Una metafora" "In cinque anni di governo non c’è mai stato un solo provvedimento che la Lega abbia proposto che andasse soltanto a favore del Nord. Poi - ha aggiunto - nella nostra formazione di centrodestra, c’è la Lega al Nord ed il movimento per le Autonomie al Sud, quindi non c’è nulla da temere. La verità - ha osservato il Cavaliere - è che la Lega usa in certi suoi protagonisti un linguaggio che non dovrebbe usare. Quando parlano di fucili, sono iperbole e metafore che usano per comunicare con il loro elettorato magari che appartiene alla classe popolare, che poi però non hanno conseguenze".

"Le ronde? Non le condivido" Il Cavaliere boccia l’intenzione di costituire ronde di cittadini per garantire la sicurezza in alcune città. "Io credo - ha detto il leader del Pdl nel corso di una intervista a un’emittente romana - che sia lo Stato che deve avere competenza in materia, non condivido questo tipo di autodifesa".

Crisi Di Pietro-Pd "Di Pietro aveva promesso di voler fare un unico gruppo con Veltroni. Naturalmente era una delle solite promesse non mantenute. Il fatto è che a questa sinistra non gliene va bene una. Non ne azzeccano una...".