Berlusconi chiama i moderati alla crociata della democrazia

Il Cavaliere al telefono per la festa azzurra di Bologna attacca Renzi: "Una disillusione". E guarda al futuro della coalizione. Brunetta avverte: "Serve Lega forte ma non egemone"

È una domenica segnata dalla politica, ma anche dall'attenzione verso gli affetti familiari quella di Silvio Berlusconi che da Arcore si sposta nella villa di Paraggi per vedere la sua ottava nipotina, Sofia Valentina, figlia di Pier Silvio Berlusconi e Silvia Toffanin, nata il 10 settembre. In serata si ferma a cena con la compagna Francesca Pascale, la figlia Marina, il presidente della Liguria Giovanni Toti e i vertici locali del partito, da Puny, storico ristorante della piazzetta di Portofino, accolto dal consueto bagno di folla e richieste di selfie.

Nel pomeriggio aveva detto la sua su Matteo Renzi, il governo e le riforme: nessuna nostalgia, questa la sostanza, per il Patto del Nazareno. «Quella del Senato è una riforma autoritaria che sottrae ai cittadini la possibilità di votare e in democrazia non è mai una buona cosa», così il leader di Forza Italia, intervenuto telefonicamente alla Festa della Libertà a Bologna. Del resto, ha aggiunto, «cosa potevano aspettarci da una maggioranza parlamentare che non ha vinto le elezioni e da un premier che non è mai stato candidato e mai eletto?». Le riforme del governo rappresentano «una disillusione - ha detto ancora il Cav - perché dovevano nascere la Terza Repubblica: invece tutto si è risolto in una disputa all'interno del Pd, una sorta di pre-congresso».

Quanto alla tasse, «annunciare sgravi fiscali senza dire quali spese tagliare è una presa in giro, lo stesso governo ha detto di dover rivedere le stime sul deficit». Perciò «immaginare che ci sia un vero taglio delle imposte è del tutto impensabile». L'Europa sta faticosamente uscendo dalla crisi «ma l'economia italiana è ancora vicina alla crescita zero» e Palazzo Chigi «non può vendere questi piccoli miglioramenti come meriti propri». A proposito di Europa, «siamo addolorati che non riesca a prendere alcuna decisione» sull'immigrazione. «C'è solo un modo per colpire al cuore le cause. Estirpare il cancro dell'Isis, mettere fine alla guerra in Siria e mettere a posto la situazione libica». Tutto questo «solo con una grande coalizione che, sotto la bandiera dell'Onu, metta insieme Usa, Europa, Nato, Russia e Cina».

Dunque, nessuna nostalgia. «Non ci siamo pentiti di esserci chiamati fuori un anno fa da questo teatrino». Meglio guardare al futuro: «Metteremo in campo una crociata della democrazia per far tornare le persone a votare e per consentirci, insieme alla Lega e a Fratelli d'Italia, di raggiungere una grossa maggioranza per sconfiggere la sinistra alle prossime elezioni». Una risposta alla fuga dai partiti. «Non dobbiamo stupirci che di fronte a questa cattiva politica siano in aumento gli italiani che non vanno a votare, sfiduciati». Secondo Berlusconi «è un tema fondamentale e guardando alle prossime elezioni dobbiamo trovare il modo per comunicare che c'è un progetto importante realizzabile se parte di questa maggioranza silenziosa diventerà una attiva andando a votare». E in serata, da Portofino, aggiunge: «Dopo che tornerò nello splendore dell'innocenza, con la sentenza di Strasburgo che ribalterà quella del 1 agosto 2013, tornerò in tv e Forza Italia tornerà ad essere il partito numero uno, non ho dubbi».

Primo test alle amministrative di primavera. A Bologna Fi mette in campo Galeazzo Bignami che per il Cav «è talmente forte che potrebbe fare pure le primarie» e per Renato Brunetta avrà l'appoggio della Lega. «L'accordo con Salvini si fa - ha spiegato il presidente del deputati di Fi - Negli anni scorsi avevamo Bossi, con slogan e battaglie storiche, eppure Berlusconi riuscì a governarci insieme per 10 anni. Matteo ha salvato la Lega da una crisi nerissima. Ed io sono felice, perché una Lega forte rende il centrodestra più forte». Però attenzione, «altra cosa è avere una Lega egemone, la nostra coalizione non potrà mai essere a trazione lepenista, altrimenti ci teniamo Renzi per i prossimi vent'anni. Solo se guarderà al centro, al ceto medio, può vincere».

Commenti
Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 21/09/2015 - 09:10

La verità è che anche Berlusconi, come pure il direttore del Giornale, si sono fatti infinocchiare della balle di Renzi. Se riesce ad infinocchiare 2 dei suoi maggiori avversari si capisce perché ormai si senta un Dio. Infinocchiare la gente normale, per lui, è una passeggiata. Renzi è il male assoluto, la dimostrazione che il FALSO e le BUGIE vincono.

xgerico

Lun, 21/09/2015 - 09:17

«cosa potevano aspettarci da una maggioranza parlamentare che non ha vinto le elezioni e da un premier che non è mai stato candidato e mai eletto?».................Haaaaaaaaaaaa ma il patto del Nazareno ti stava bene, con un "candidato mai eletto!

morghj

Lun, 21/09/2015 - 09:31

Sto male!!!! Mi viene da vomitare!! E' vero, verissimo che questo governo non è stato eletto da nessuno, e non ha mai ottenuto il consenso della maggioranza dei cittadini, ma berlusconi non dice che questi usurpatori di potere stanno in piedi grazie ad una moltitudine di traditori, opportunisti, biechi e disprezzabili individui che provengono dalle proprie file. E' stato lui, questo grande scopritore di talenti a candidare questa massa di canaglie inqualificabili, e fino ad ora non ha mai fatto un mea culpa, non l'ho mai sentito scusarsi con gli italiani per le scellerate scelte compiute nel corso del tempo. E' di questi giorni, che un certo verdini, fino a ieri suo intimo amico, sta pascolando tra i sentori, offrendo incarichi e riconferme per intrallazzare nuove schifezze, come è sempre stato.

antipifferaio

Lun, 21/09/2015 - 09:34

Caro Berlusconi ancora annunci....ma ci stai prendendo per fessi? Insomma la coalizione quando si fa? C'è un leader, un nome e un programma o è solo un modo diverso per dirci che sei diventato un piddino? Dici: "altrimenti ci teniamo Renzi per i prossimi vent'anni"...ma stai scherzando o dici sul serio?...questo in fondo in fondo forse è il tuo augurio, ma sappi che per i prossimi vent'anni, invece, ci terremo Grillo e compari...

Rossana Rossi

Lun, 21/09/2015 - 09:41

Chiunque riuscirà a mandare a casa il pifferaio usurpatore avrà il mio voto.........

studente

Lun, 21/09/2015 - 09:54

Alla maggioranza degli italiani interessa solo vedere ridurre i costi della politica.Quasi tutti sarebbero stati ben felici di assistere alla scomparsa di senato e senatori,inclusi quelli a vita e pensionati.Che il senato sia elettivo o meno quindi interessa solo a chi ne trae o pensa di trarne in futuro beneficio

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 21/09/2015 - 10:11

Il Cavaliere al telefono? Hahahhahahahaha

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 21/09/2015 - 10:33

Menzogne! Solo menzogne come sempre! Berlusconi: "«cosa potevamo aspettarci da una maggioranza parlamentare che non ha vinto le elezioni e da un premier che non è mai stato candidato e mai eletto?»" Caro Berlusconi, la risposta dei tuoi elettori, ormai ex a causa della tua sporca politica durata e dura ancora almeno da più di quattro anni, è questa. Cosa potevamo aspettarci? Che tu almeno non appoggiassi, diventando per te l'appoggio lo scopo della tua vita, i catto-comunisti di Monti, di Letta (il nipote del tuo Gianni) ed infine di Renzi e tutte le sue pseudo-riforme. E con quest'ultimo ti mettessi pure d'accordo per ... (1 - continua)

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 21/09/2015 - 10:34

...mantenere viva la legislatura fino al 2018. La scadenza naturale di una legislatura, però, regolare, con tutti i crismi della democrazia. Cosa che non è quella ancora in corso. Il tuo motto era dunque nei tempi d’oro con Renzi: "No ad elezioni anticipate!" E si capisce perché. Oggi, da spudorato, sostieni invece che non sarà facile arrivarci alle elezioni, facendo intendere che le vuoi anche tu. Falso! Caro Brunetta, voi di F.I., presuntuosi ed arroganti, non volete una reale alleanza con la Lega. Basta leggere la seguente tua affermazione: "Però attenzione, «altra cosa è avere una Lega egemone, la nostra coalizione non potrà mai ... (2 - continua)

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 21/09/2015 - 10:36

...essere a trazione lepenista, altrimenti ci teniamo Renzi per i prossimi vent'anni ( E io dico per inciso che Renzi ce lo terremo soprattutto a causa vostra e della vostra sporca politica degli ultimi cinque anni, fatta contro tutto il popolo e, soprattutto, contro il ceto moderato, che è stato dissanguato e costretto al suicidio, ndr). Solo se guarderà al centro, al ceto medio, può vincere»". Non credo che Salvini, leggendola, sarà tanto contento di allearsi con gente come voi. Voi, ormai residuato di quella che era la grande Forza Italia, il grande Popolo delle Libertà. Tutti e due quasi scomparsi per tradimento. (3 - fine)

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 21/09/2015 - 10:47

Sig "xgerico", il suo commento-battuta mi è piaciuto moltissimo perché con poche parole è riuscito a spiegare l'essenza di tutta l'attività politica di Silvio Berlusconi e quindi di tutta Forza Italia degli ultimi cinque anni. Bravo!

xgerico

Lun, 21/09/2015 - 12:28

@ilvillacastellano-10:47- Non bisogna essere scienziati per capire come stanno i fatti! Ora sta nel periodo Pentimento/raduno/tramite telefono, di più non fa!

morello

Lun, 21/09/2015 - 14:44

Caro Berlusconi questa volta non ci casco! Il suo unico obiettivo è quello di assemblare un po' di partiti per racimolare voti. Non ha un programma politico. Appoggia Renzi nella detassazione della casa anzichè incalzarlo per detassare il costo del lavoro che dorrebbe essere prioritario per una destra liberista e per il rilancio dell'economia inoltre lavora sottobanco ( gruppo di assenteisti ,Verdini etc) per non far mancare la maggioranza a Renzi sulla questione Senato ! Sono un moderato liberista e non sprechero' il voto .

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Lun, 21/09/2015 - 14:46

Il teatrino FI l'ha recitato anche con Monti e Letta oltre che al Nazareno.Probabilmente Berlusconi dovrebbe intuire che oggi i "moderati" non esistono perché il termine è solo sinonimo di "addormentati", senza idee. Il successo di Salvini è la sua chiarezza politica nell'opposizione al renzismo; anche se non dovesse avere l'appoggio di FI, ha già fatto vedere di che pasta è fatto.

Ritratto di Giuseppe.EFC

Giuseppe.EFC

Mer, 28/10/2015 - 19:18

Berlusconi sta imparando la lezione che i poltici dovrebbero conoscere meglio di qualsiasi altra: non scontentare il tuo elettorato. Non irritare i tuoi elettori. Si è rimangiato le promesse, quando ha sentito in pericolo la sua poltrona ha piegato la testa senza preoccuparsi di chi lo aveva votato... ed adesso si sorprende che la gente voti altri o resti piuttosto a casa? Meglio fare niente che collaborare alla propria rovina: né Renzi né Letta né Monti né Bersani hanno mai toccato i propri elettori. Ci sono tanti partiti che non sono FI: voteremo per loro - oppure resteremo a casa. Una lezione ci voleva.