Berlusconi: «Expo, il sì all’unanimità ci riempie d’orgoglio»

«La notizia che gli Stati membri del Bie hanno votato all’unanimità per Milano quale sede dell’Expo è un motivo di orgoglio per tutti noi». Così il premier Silvio Berlusconi alla notizia che i 157 Stati membri dell’assemblea generale avevano appena votato a Parigi la designazione di Milano come città organizzatrice dell’edizione 2015 dell’esposizione universale. Festa in città con l’inno di Mameli suonato dall’Orchestra civica dei fiati in piazza della Scala e un’esplosione di coriandoli tricolori. Soddisfatta il sindaco Letizia Moratti che dopo aver ringraziato i rappresentanti dei Paesi per il voto, ha ricevuto i complimenti dei vertici del Bie per il progetto. Ma «ora - ha aggiunto - comincia una nuova fase, la fase operativa». Confermando di aver già «parlato con il presidente Berlusconi» e di essere in contatto con il suo consigliere diplomatico per la firma delle lettere di invito a partecipare all’Expo da spedire a tutti i 154 Paesi del Bie. «Ora parte il vero conto alla rovescia - l’impegno del governatore Roberto Formigoni - Ma ne sono sicuro: Milano non deluderà».