Berlusconi: "L'implosione dell'Unione c'è stata"

Il Cavaliere attacca: "Le dichiarazioni del presidente
Dini e del senatore Bordon hanno sancito la fine di questa
maggioranza e di questo governo". Poi aggiunge: "Insistiamo nella nostra battaglia politica per mandare a
casa questa compagine governativa dannosa per il Paese, incapace
di favorire la crescita, incapace di garantire la sicurezza dei
cittadini, capace solo di imporre più tasse e più spesa
pubblica

Roma - "L'attesa e prevista implosione del centrosinistra si è verificata: le dichiarazioni del presidente Dini e del senatore Bordon hanno sancito la fine di questa maggioranza e di questo governo". Così il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi commenta l'approvazione al Senato della Finanziaria, tornando quindi a chiedere il ritorno alle urne. "In sintonia con la grande maggioranza dei cittadini - afferma infatti Berlusconi - insistiamo quindi nella nostra battaglia politica per mandare a casa questa compagine governativa dannosa per il Paese, incapace di favorire la crescita, incapace di garantire la sicurezza dei cittadini, capace solo di imporre più tasse e più spesa pubblica ma, incredibilmente, di diminuire le risorse per le forze dell'ordine".

"Ignobili calunnie della senatrice Finocchiaro" Berlusconi reagisce poi alle accuse rivolte dalla capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaro."Respingiamo infine le ignobili e intollerabili calunnie della senatrice Finocchiaro - reagisce l'ex premier - espressione di una mentalità stalinista che incita ancora una volta all'odio nei confronti del nemico politico. La realtà è invece che con questa finanziaria la sinistra ha dispensato denaro pubblico effettuando un gigantesco voto di scambio per cercare di tenere insieme una maggioranza esausta che da tempo non esiste più né moralmente né politicamente".
Durissima dunque la replica alla capogruppo dell'Ulivo che in aula aveva detto, tra l'altro: "Sulla stampa, nelle dichiarazioni pubbliche e private" in questi giorni si sono lette "una ridda di indiscrezioni, pettegolezzi, retroscena. Espliciti anche sui tentativi di corruzione, perché così si chiama ovunque nel mondo, dei nostri senatori". "Ne hanno parlato esplicitamente alcuni di voi, con accenti lievi e irridenti, come se si trattasse di una cosa così, che si fa, si può fare e si può anche dire...". Parole condannate con altrettanta durezza da diversi esponenti della Cdl, sdegnati, tra cui Buttiglione che chiede un giurì d'onore.

"Cittadini in piazza per manifestare la loro sfiducia" "Venerdì, sabato e domenica - conclude Berlusconi - Forza Italia chiama i cittadini a manifestare in tutte le città d'Italia per esprimere la loro sfiducia e la loro indignazione nei confronti di questo governo".