Berlusconi a Obama: priorità legame con Russia

&quot;A Obama ho dato il consiglio che non continui l’escalation dei rapporti negativi con la Russia. Credo che questo sia più importante anche della crisi irachena&quot;, lo ha sottolineato il premier dopo la conferenza col presidente brasiliano Lula<br />

Roma - "A Obama ho dato il consiglio che non continui l’escalation dei rapporti negativi con la Russia. Credo che questo sia più importante anche della crisi irachena". A sottolinearlo è stato il premier Silvio Berlusconi in una conferenza stampa a villa Madama al termine di una lunga colazione di lavoro con il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula Da Silva. "Obama oggi -continua il premier- si trova in una situazione molto difficile, si trova di fronte a una crisi finanziaria. Tutti i problemi interni ed esterni gli cadranno addosso. C’è la questione dell’Iraq quella dell’Afghanistan e del Medio Oriente".

"Obama andrà presto in Russia"
Bisogna continuare a lavorare per "risolvere questa contrapposizione assurda tra Usa e Russia. Non si sente proprio il bisogno di un ritorno alla guerra fredda. Anche il presidente Lula è d’accordo. Mi fa piacere che il presidente Obama ha chiesto a breve un incontro con la Russia", ha proseguito il premier.

"A Obama supporto totale" "Il supporto dell’Italia alla nuova Amministrazione americana è il più totale e convinto possibile", ha sottolineato con forza il premier Silvio Berlusconi in una conferenza stampa congiunta a Villa Madama con il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva.

"Carineria scambiata per offesa" Il presidente del Consiglio è tornato anche sulla frase riguardante il neo presidente Usa che ha scatenato le polemiche in questi giorni: "una mia carineria ed affettuosità nei confronti del presidente Obama è stata scambiata per razzismo e offesa. La nuova amministrazione americana avrà pieno sostegno dall’Italia".