Berlusconi pensa a una grande manifestazione nazionale

Una grande mobilitazione nazionale, con gazebo in diverse città italiane e una raccolta di firme a sostegno dell’azione di governo e della prosecuzione dell’attività dell’esecutivo per non tradire il mandato degli elettori<br />

Roma - Una grande mobilitazione nazionale, con gazebo in diverse città italiane e una raccolta di firme a sostegno dell’azione di governo e della prosecuzione dell’attività dell’esecutivo per non tradire il mandato degli elettori. È il progetto al quale sta lavorando il Pdl, su input del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che dovrebbe tenersi nel fine settimana dell’11 e 12 dicembre, alla vigilia della verifica parlamentare.

Forse un nuovo simbolo Ignazio La Russa ha ribadito oggi che il simbolo appartiene al Pdl, proprio in virtù di una norma dell’atto costitutivo voluto da Gianfranco Fini. In ogni caso non è escluso che alla fine il simbolo venga ritoccato. Non è stata presa alcuna decisione, ma tra le ipotesi che sono state vagliate, riferiscono fonti parlamentari del partito, c’è quella di inserire semplicemente la scritta "Berlusconi presidente". Il premier in serata è arrivato a Roma accompagnato da due persone che ai cronisti hanno spiegato di lavorare da trent'anni per il Cavaliere e di occuparsi di grafica.