Berlusconi: presto al governo

Il leader di Forza Italia: "Oggi il governo ha perso la maggioranza al Senato. Spero che si voti in primavera perché l’Italia ha proprio bisogno di cambiare governo". Grillo? "L'antipolitica colpirà più la sinistra che noi"

Roma - "Spero che si voti in primavera perchè l’Italia ha proprio bisogno di cambiare governo". Silvio Berlusconi al termine di un congresso dell’Internazionale dei democristiani torna sul futuro dell’esecutivo di Romano Prodi. È l’inizio della frana? - gli chiedono i cronisti - "aspettiamo e vediamo" risponde il presidente di Forza Italia. Dini entrerà nella Cdl? "Vediamo, vediamo, vediamo" risponde Berlusconi, aggiungendo: "Mi sembra che la maggioranza non c’è più". Il Cavaliere ribadisce che "al 90% ci sarà una crisi" e sottolinea "francamente sono in disaccordo su tutto, quindi prima si viene ad un chiarimento e meglio è per tutti, anche per loro".

"Siamo già in campagna elettorale" In precedenza il Cavaliere, parlando con i senatori di Forza Italia, si era soffermato sulla fragilità della maggioranza. "Ci sono 90 possibilità su 100 che ci sia una crisi di governo in tempi brevi, quindi teniamoci tutti pronti perchè praticamente siamo già in campagna elettorale". Così Silvio Berlusconi si è espresso nel corso di un contro con i vertici del partito secondo quanto riferito da alcuni partecipanti. Il Cavaliere torna a snocciolare i dati degli ultimi sondaggi da lui commissionati davanti ai coordinatori e ai vertici di Forza Italia, riuniti a Palazzo Grazioli per fare il punto sulla situazione politica. Secondo i dati in possesso dall'ex premier, hanno spiegato diversi partecipanti alla riunione, il centrodestra avrebbe un consenso pari al 55,7% dell’elettorato, contro il 44,1% del centrosinistra.

"Grillo? L'antipolitica colpirà di più la sinistra" "Io non mi faccio sbeffeggiare da un Grillo qualunque, dovrà pagare i danni per quello che ha detto". Il senatore azzurro Alfredo Biondi ha introdotto il tema dell’antipolitica lamentandosi del fatto che il suo partito non gli è stato abbastanza vicino contro l’attacco sferrato dal comico genovese proprio nei cofronti dell’ex ministro di Grazia e Giustizia. "Capisco la tua amarezza - gli ha risposto Silvio Berlusconi secondo quanto viene riferito da alcuni partecipanti - considerate che i nostri elettori ritengono Grillo la peggiore costola della sinistra". L’ex presidente del Consiglio ha sottolineato il fatto che "l’antipolitica colpirà più la sinistra che noi. Ero io considerato come un antipolitico in quanto non ho mai voluto rappresentare il vecchio modo di fare politica, ma qui è una situazione completamente diversa e comunque Grillo deve preoccuppare certamente la sinistra non certamente noi".