Berlusconi: «Sempre laico, mai laicista»

«La cultura e il mondo politico perdono un interprete illuminato del liberalismo concepito come “religione della libertà” e costante ricerca della verità sull’uomo». Così Silvio Berlusconi ha ricordato ieri in una nota Nicola Matteucci, lo scrittore e docente scomparso a Bologna. «Sempre laico, mai laicista - ha aggiunto Berlusconi - ha espresso una visione della libertà come punto di congiunzione con la verità sull’uomo, opponendosi a qualsiasi deriva nichilista e libertaria radicaleggiante». «Uno degli intellettuali più prestigiosi del nostro Paese», ha sottolineato il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini. «Matteucci - ha proseguito - è stata una delle voci più limpide del mondo universitario».