Berlusconi vuole un altro Pdl Schifani: «Attento ai grillismi»

L a digestione non deve essere stata delle migliori visto che neanche il lungo pranzo a Palazzo Grazioli tra Berlusconi e Alfano, presente come al solito Gianni Letta, riesce a sciogliere il nodo su cui da settimane si avvita un Pdl sempre più sull’orlo di una crisi di nervi. Perché nonostante il segretario provi a spiegare che quasi tutto il partito - ex An e buona parte degli ex Forza Italia - chiede un gesto di discontinuità forte rispetto al governo Monti, magari iniziando a dire qualche «no» sul ddl lavoro o sul Fiscal compact, il Cavaliere non sembra essere affatto convinto. Anche se Alfano ripete più di una volta che «andando avanti così» il Pdl finirà per liquefarsi nell’abbraccio mortale a Monti. D’altra parte, negli ultimi giorni le pressioni in questo senso sull’ex Guardasigilli non sono arrivate solo dai soliti falchi o dagli ex An, ma pure da molte delle cosiddette colombe, da chi ha sempre professato prudenza - come la Gelmini o Fitto - ma si è oggi convinto che l’immobilismo dell’esecutivo non stia facendo bene né al Paese né al partito. Insomma, la tesi dello «sganciamento» dall’esecutivo sta prendendo decisamente piede e non necessariamente con l’obiettivo del voto anticipato, visto che la convinzione è che anche se arrivassero dei «no» in aula il governo riuscirebbe comunque a trovare i numeri sufficienti perché sono tanti quelli che sanno che in Parlamento non ci torneranno comunque (e dunque meglio resistere fino al 2013).
Ma nel Pdl si ragiona anche al rilancio del partito, argomento che - come è noto - non appassiona troppo un Berlusconi. E questo a via dell’Umiltà ce l’hanno ben chiaro tutti, tanto che si vanno moltiplicando le uscite pubbliche di chiede al Cavaliere una svolta. Anche Renato Schifani, in una lettera a Il Foglio, invita l’ex premier ad una «operazione verità» auspicando che Alfano sia in grado di «guadagnarsi l’autonomia necessaria» per avere «le carte in regola per rilanciare il Pdl». Il presidente del Senato punta poi il dito contro «i giornali che si professano berlusconiani», rei di inseguire «il grillismo di destra», e contro quella «parte del Pdl più chiassosa», «colorita e populista» che scende in campo «contro l’Imu». Schifani, insomma, mette nero su bianco la richiesta che il segretario possa muoversi in «autonomia» dal Cav e l’insofferenza montante nel partito ormai da mesi non solo verso la linea editoriale de Il Giornale ma pure verso la Santanchè. Un malumore che forse non fa i conti con il fatto che in Berlusconi c’è anche quella tentazione, come dimostra l’uscita sull’euro di qualche giorno fa rettificata solo dopo le insistenze di Alfano.
Il punto, insomma, è che nel Pdl nessuno ha ben chiaro cosa voglia fare il Cavaliere. Che sembra continui ad essere tentato dalla «spacchettamento», dal dar vita ad una confederazione di liste dove ci sarebbe spazio per le diverse anime ma che inevitabilmente significherebbe un ridimensionamento del Pdl. Ipotesi che però Alfano dice di «escludere». «Lo spezzatino del Pdl - spiega - darebbe una somma algebrica più bassa di quanto vale il Pdl oggi. Questa è la mia opinione e quella di Berlusconi». E anche per rafforzare questa strada in via dell’Umiltà si sta discutendo di convocare una direzione nazionale (con tre giorni di «sfogatoio») per stilare un «programma per 100 giorni» da consegnare a Monti. L’occasione per azzerare tutti gli incarichi (anche Berlusconi dovrebbe dimettersi da presidente, sostiene qualcuno) e dar vita ad una segreteria ristretta fatta di quarantenni e qualche new entry dal territorio.
L’incognita è capire quanto la cosa accenda l’entusiasmo del Cavaliere. Che ieri, incontrando una berlusconiana doc come la Biancofiore, pare pensasse solo al semipresidenzialismo e alla federazione dei moderati a cui dar vita.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 07/06/2012 - 08:59

L’interessante articolo finalmente apparso su questo giornale indica brutalmente la situazione del Pdl, perso dietro ad un’inconsistente “segretario”, lo “scudiero” della coppia egemone Monti – Bersani, chiarendoci che quanto andavamo pensando e “commentando” da mesi era esatto: la fotografia di un partito esistito solo grazie alla presenza del suo geniale fondatore, nel quale ora strillano confusamente una “serie” di pollastri di manzoniana memoria. Ai polli ciancianti si è aggiunto Schifoni, immeritatamente onorato della seconda carica dello Stato (come il suo omologo alla Camera). Comprendiamo (non è un plurale maiestatis) i dubbi e le esitazioni di Silvio, tentato di rovesciare per terra l’intero contenuto della “padella” per mettere sul fuoco un altro contenitore con altra gente ed altri cervelli, in sostituzione di quelli vuoti che ora brillano nel Pdl per la loro inadeguatezza … da Alfano fino all’ultimo cianciante Schifoni.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 07/06/2012 - 09:20

Silvio stai attento a Schifoni, un'altra serpe che vuole mordere la mano di chi lo ha nutrito. Male facesti ad onorarlo oltre i suoi meriti ed alle sue capacità.

ALASTOR

Gio, 07/06/2012 - 13:15

Forse qualcuno pensa, astutamente ,di lasciare ai Pisanu, Scajola etc. etc. il compito di sostenere il governo Monti e ritagliare un posto all'opposizione per recuperare consensi. Temo però che si facciano i conti senza l'oste, Bersani, che avrà gioco facilissimo nello sganciarsi e nell'attribuire la responsabilità dell'inevitabile disastro sui mercati al PDL. Correndo poi alle elezioni anticipate e stravincendo.

marcosss

Gio, 07/06/2012 - 18:40

Ma dove volete andare? siete finiti! basta vedere quello che state facendo con il DDL anti corruzione se passa la meta di voi va in galera. Comunque ci vediamo alle prossime elezioni io di sicuro non voterò ne PDL ne PD indovinate dove cadra il mio voto.