Bernanke tra due giorni sulla graticola del Senato

Non sarà solo la crisi di Dubai a tenere sul chi vive Wall Street questa settimana. Nell’agenda della Borsa Usa è segnato in rosso il doppio appuntamento di giovedì, quando il numero uno della Federal Reserve, Ben Bernanke, si presenterà di fronte al Senato e in cui il presidente Barack Obama convocherà alla Casa Bianca i leader dell’industria per trovare la chiave giusta per rilanciare il mercato del lavoro.
In entrambi i casi, si tratta di due impegni delicati e non privi di insidie per il mercato. Bernanke rischia di essere messo sulla graticola dai senatori della Commissione bancaria, che dovranno dare il via libera al suo secondo mandato. Ma l’audizione - riporta il Wall Street Journal - andrà al di là del futuro del banchiere centrale: al Congresso è infatti allo studio una profonda revisione delle regole del sistema finanziario e un depotenziamento della Fed. Inoltre i politici americani criticano duramente l’operato della Fed che, a loro avviso, ha fallito nel prevenire la crisi.
Quanto a Obama, il tasso di disoccupazione oltre il 10% rimane la sua spina nel fianco. Il summit con i maggiori capitani d’industria cadrà proprio il giorno prima della diffusione dei dati di novembre sui senza-lavoro. Dalle prime indiscrezioni, sembra comunque che le ricette della Casa Bianca non trovino la Corporate America d’accordo. Le imprese di tutte le dimensioni premono per un taglio delle tasse e per un migliore accesso al credito.