Bernini sindaco dell’area di Sestri

Nel Medio Ponente si cambia, o almeno ciò che è cambiato è la denominazione della circoscrizione che diventa Municipio, ma certamente ciò (o meglio chi) non si modifica, è il suo presidente, il diessino Stefano Bernini; non più presidente ma sindaco di Sestri, Borzoli e Cornigliano. Nulla di nuovo dunque in quest'area da tempo considerata «serbatoio ufficiale» di voti a sinistra. Serbatoio che ha perso molto, lunga la strada in queste nuove amministrative. Il vantaggio di Bernini sugli altri candidati: Laura Tamiro, Silvio Scaffardi, Cincia Maralino e Gioacchino Amenta è evidente: a preferirlo sono stati 19.513 (con una percentuale di voto pari al 64,34 per cento) votanti, su un totale di 32.301. Se si conta che gli aventi diritto erano 51.892, il peso dell'assenteismo si è fatto sentire. I residenti non negano una forte disaffezione alla politica e chiedono alla nuova legislatura di scongiurare il rischio di un'eventuale costruzione dell'inceneritore a Scarpino (con un'incidenza tumorale evidente) e la chiusura dell'ospedale di Sestri. «Staremo a vedere», dichiarano alcuni di loro. «Le promesse ci sono, ora aspettiamo i fatti».