Bersani difende Equitalia: «Grillo? Dire no alle pallottole»

Ancora polemiche per l’uscita di Beppe Grillo sul suo blog. «Se Equitalia è diventata un bersaglio bisognerebbe capirne le ragioni, oltre che condannare le violenze». Il leader del Movimento Cinque Stelle aveva preceduto di poche ore un’altra busta con un proiettile intercettata alle Poste: era diretta al direttore della sede dell’agenzia di riscossione di Torino con rivendicazione anarchica. A Grillo risponde Pier Luigi Bersani. «Capisco poco questo modo di porre le questioni. Ieri sono girate le pallottole, la cosa di oggi è ’No alle pallottole’. Poi discutiamo, ne abbiamo già viste in questo Paese...». Così, ospite di SkyTg24, il segretario Pd commenta la provocazione: «Mesi fa consigliammo al governo di intervenire, ma il giorno in cui si parla di pallottole si discuta di pallottole. Il messaggio deve essere inequivocabile». «Non si può scherzare con il fuoco e neanche con le parole - interviene il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto - E quindi Grillo ha commesso un gravissimo errore. Ma coloro che sovrintendono alla lotta all’evasione, Befera in primis, devono anche avere la consapevolezza che operazioni come quelle fattea Cortina con controlli a tappeto su tutta l’area perché presumibilmente popolata nelle vacanze da ricchi sono del tutto inaccettabili e chiaramente ispirate a una concezione ideologica del controllo fiscale».