Bersani, gaffe a favore di telecamera

L’ultimo capitolo del libro che racconta lo stretto legame tra il Pd e la «finanza rossa» emiliana è stato scritto sul sito web del Corriere, che ha recentemente carpito un succoso botta e risposta tra il leader democratico Pier Luigi Bersani e il segretario bolognese Raffaele Donini. Impegnati in una fitta conversazione mentre seguivano a Bologna il corteo per la commemorazione della strage del 2 Agosto, i due non si sono accorti della telecamera della web tv di Corriere.it, che li registrava. Nel colloquio Donini spiegava a Bersani l’impossibilità di candidare a sindaco Maurizio Cevenini (detto «Mr preferenze») molto amato dalla città ma non abbastanza apprezzato dai poteri forti emiliani (leggasi Unipol). Secondo i berlusconiani in Regione siamo di fronte all’ennesima prova di un rapporto persistente tra il partito e la «finanza rossa». E intanto anche l’ex sindaco di centrodestra Giorgio Guazzaloca stringe l’occhio al Pd.