Bersani «Resto segretario anche se perdiamo le Regionali Io premier? Nel 2013...»

Pier Luigi Bersani fa sapere che, nonostante annunci e inviti già piovuti dall’interno dello stesso Pd, non lascerà la carica di segretario del Partito democratico in caso di sconfitta alle Regionali. Lo ha annunciato ieri sera durante «La storia siamo noi», il programma di Giovanni Minoli su Rai Due. «Non mi dimetterò - ha spiegato Bersani - perché noi ci siamo dati un percorso più lungo». Altro che mettersi da parte dunque. Anzi: durante la stessa intervista Bersani ha anche dichiarato di non escludere «assolutamente la candidatura a premier del 2013». Del resto, però, il leader del Pd aggiunge che «neanche lo ordina il dottore». Immancabile poi un attacco al premier Berlusconi: «È un conservatore. Promise una rivoluzione liberale e adesso sta dicendo “non disturberò nessuno”». È anche «un leader conservatore che ha una piegatura populista, e può provocare guai seri al meccanismo democratico».