Bestie di Satana, il pg: "Indagini sui 18 morti"

Dopo l'esclusiva del <em>Giornale</em> (<strong><a href="/a.pic1?ID=270608" target="_blank">leggi l'intervista a Mario Maccione</a></strong>) che riapre il caso degli omicidi satanici, il procuratore di Monza Pizzi: &quot;Lunga scia di sangue. Frigerio potrebbe essere una delle vittime. I riscontri sono in corso&quot;

Milano - Dopo lo scoop del Giornale (che ha intervistato in carcere Mario Maccione) si muove la magistratura. "Le indagini sono tuttora in corso ed è stata lasciata una lunga scia di sangue. I morti sono diversi e tra questi c’è anche Cristian Frigerio". Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Monza Antonio Pizzi che insieme al pm Salvatore Bellomo ed Enzio Fiorillo coordina le indagini sulla scomparsa di Cristian Frigerio avvenuta una decina di anni fa e su una serie di sospetti omicidi satanici risalenti alla stessa epoca e che sarebbero avvenuti tutti in Brianza. Il procuratore ha sottolineato che "le indagini, che procedono con molta difficoltà perché i fatti risalgono a una decina di anni fa, sono ancora in corso per trovare riscontri alle dichiarazioni rese".

Le altre morti Infatti nell’ambito delle indagini nei mesi scorsi sono stati convocati i giovani delle Bestie di Satana accusati degli omicidi di Chiara Marino e Fabio Tollis (1998) e di Mariangela Pezzotta (2004) e di istigazione al suicidio di Andrea Bontade. Tra i giovani convocati e interrogati c’era anche Mario Maccione, definito il medium del gruppo, e che davanti agli investigatori monzesi ha parlato per ore.