Il bestseller messo al bando in Iran

L’Iran ha messo al bando il «Codice da Vinci». Il ministero della Cultura e dell’orientamento islamico ha stabilito che la traduzione in lingua farsi (giunta nel frattempo all’ottava ristampa) del bestseller di Dan Brown deve essere ritirata dalle librerie. La decisione è stata presa in seguito alla protesta dell’Organizzazione per la Comunicazione Islamica, che ha definito il libro «un’offesa al cristianesimo». L’ordinanza del ministero non riguarda soltanto il libro, ma anche il film tratto dal romanzo di Dan Brown. Nonostante il divieto di riproduzione nelle sale, le copie in dvd sono comunque molto «diffuse» al mercato nero.