Betancourt, ansia per la sua salute Sarkozy: la cerco io

Ieri sera alcuni ostaggi liberati dalle Farc: "Ingrid è molto malata, sta morendo". Il presidente francese: sono pronto ad andare nella giungla

Città del Capo - Dopo le drammatiche notizie sulle gravi condizioni di salute di Ingrid Betancourt, dal Sudafrica il presidente francese Sarkozy si rivolge direttamente alle Farc chiedendone la liberazione. Sarkozy si è anche detto pronto ad andare in prima persona lungo la frontiera tra Colombia e Venezuela per cercare la cittadina francese da oltre sei anni prigioniera delle Farc. "Chiedo alle Farc di liberare senza indugio Ingrid Betancourt. È una questione di vita o di morte. È una questione umanitaria urgente" ha dichiarato Sarkoy durante una conferenza stampa congiunta con il suo omologo sudafricano Thabo Mbeki. Sarkozy ha anche invitato il presidente venezuelano, Hugo Chavez "a utilizzare tutta la sua influenza per salvare la vita di Ingrid Betancourt. Sono pronto ad andare io stesso a cercare Ingrid Betancourt alla frontiera tra il Venezuela e la Colombia, se questo dovesse essere richiesto come condizione per la sua liberazione" ha sottolineato ancora il capo di Stato francese. "Mi impegnerò affinché la Francia resti mobilitata fino al rilascio dell’ultimo ostaggio. Occorre che si arrivi alla liberazione di Ingrid Betancourt" ha concluso.