Bettini in volata fa le prove mondiali

Pier Augusto Stagi

Si nasconde, Paolo Bettini. Si nasconde nella pancia del gruppo e sbuca fuori quando meno te lo aspetti, con una progressione impressionante, tanto da lasciare senza gambe, senza fiato e senza parole gente del calibro di Thor Hushovd (il norvegese perde ma veste la maglia oro di leader per 2”), il nostro Luca Paolini e l’australiano Robbie Mc Ewen. Velocisti più o meno puri, che vengono bruciati negli ulitmi 30 metri di corsa da chi si ostina a non definirsi velocista «ma un buon passista veloce, capace di tanto in tanto di battere anche i velocisti puri», per usare le sue parole. Il campione d’Italia si nasconde anche dopo la vittoria di Cordoba dove ieri pomeriggio si è concluso il secondo atto di questa Vuelta di Spagna: «Però credetemi - spiega -, la volata l’ho fatta oggi, ma scordatevi di rivedermi nella mischia: le volate sono troppo pericolose e io non posso rischiare ogni volta l’osso del collo: ho altri obiettivi per la testa».
In verità il livornese campione olimpico ad Atene, campione d’Italia in carica, al suo sesto centro stagionale, secondo al Giro di Spagna, ha in mente un solo grande obiettivo: la maglia di campione del mondo. A lui, che è forse il miglior interprete planetario da tre stagioni a questa parte per le corse di un giorno, manca solo la maglia iridata per completare la personalissima collezione. «Ma io non ci voglio pensare – dice lui con quell’espressione poco credibile che dice l’esatto contrario -, adesso devo solo cercare di trovare il colpo di pedale giusto, voglio uscire da questa corsa di tre settimane con le sensazioni ideali per poter essere protagonista sul circuito di Salisburgo: non è difficile, non è impossibile, ma con una buona condizione, un pizzico di fortuna e tanta fantasia “ce la si può fare”». Oggi terza tappa, Cordoba-Almendralejo, 219 km. Diretta su Eurosport dalle 15.15.
Intanto ieri in Francia a Plouoy nella corsa di Pro Tour, si è imposto il giovane Vincenzo Nibali.