«Beviamo un caffè?». «Sì, in un posto tranquillo»

Gavio: Pronto!.
Penati: Sì buongiorno sono Filippo Penati volevo ... (parole incomprensibili - disturbo di linea - ndr)...
Gavio: Oh... saluti presidente...
Penati: Buongiorno, lei è ... (p.i. - disturbo di linea - ndr)... Sì?
Gavio: Buongiorno, come va? Si sono io.
Penati: Mi ha dato ... il suo numero di telefono ... l’onorevole Bersani.
Gavio: Sì, volevo fare due chiacchiere con lei quando era possibile.
Penati: ...(p.i. - sovrapposizione di voci - ndr)...
Gavio: ... se viene su Roma, altrimenti la raggiungo a Milano, come vuole.
Penati: Eh io su Roma è ... abbastanza complicato.
Gavio: ... è un po’ più difficile (sovrapposizione di voci - ndr) la, la vedo qui a Milano.
Penati: Ci sarò il qui, ci sarò il qui, ci sarò il quindici a Roma però...
Gavio: Sì
Penati: Se ... (pp.ii. - disturbo di linea - ndr)...
Gavio: Pronto?
Penati: ... (pp. ii..- disturbo di linea - ndr)...
Gavio: Sì la sento. Senta quando posso vederla a Milano, venerdì com’è piazzato?
Penati: Venerdì ... in mattinata?
Gavio: Sì ...
Penati: Eh ...
Gavio: ... dove la raggiungo?
Penati: Eh ... guardi ... non so ... beviamo un caffè ...
Gavio: Sì!
Penati: Aspetti un secondo che mi stanno facendo dei segni qui la mia segretaria ...
Gavio: Sì, sì sì!
Penati: ... che cosa succede venerdì.
Gavio: Sì.
Penati: Che cosa succede venerdì? (parla con donna presente nell’ufficio - ndr) Sì ... ah la mattina sì, sì, sì, sì, che quello è il pomeriggio, lì alla ... ah infatti eh d... quella roba lì è al mattino l’incontro con i sindaci, (riprende conversazione con Gavio - ndr) allora... per me diciamo dalle prime ore del pomeriggio perché al mattino ho una riunione con tutti i sindaci.
Gavio: Va bene mi dica l’ora
Penati: Eh non so, dove ci ... vuole che ci vediamo oh ...
Gavio: Come, vuole lei, decida lei, un posto tranquillo.
Penati: Eh allora facciamo così allora intanto ce lo segniamo poi dopo la richiamo ...
Gavio: Sì
Penati: Facciamo verso le quindici, va bene?
Gavio: Va bene, ok!
Penati: Io intanto me lo segno poi dopo ci sentiamo e ci mettiamo d’accordo.
Gavio: Grazie mille.
Penati: Grazie arrivederci.
... Omissis ... (Si salutano).