Beyoncé denunciata per plagio da una cantante rom

Mitsou, cantante ungherese appartenente ad una comunità rom, ha denunciato che la popstar americana per la canzone Drunk in love: "Quel ritornello appartiene alla nostra tradizione"

La cantante ungherese Mitsou, appartenente alla comunità rom, ha denunciato Beyoncé per aver utilizzato un ritornello della tradizione gitana come incipit della canzone Drunk in love (brano, tra l'altro, nominato ai Grammy's).

La canzone di Beyoncé si apre con una melodia, cantata a cappella, che appartiene alla tradizione gitana dell'Europa dell'Est e che viene poi interrotta dalla voce della cantante americana ed assume un ritmo pop.

Mitsou ha quindi denunciato per plagio Beyoncé affermando che l'incipit del brano sia identico ad una sua canzone - Bajba, Bajba Polem - che le era stata tramandata dalla nonna e che aveva provveduto a registrare nel 1995. Come afferma Mitsou, questa canzone racconta della "perdita della speranza nel momento in cui una persona non può fare affidamento su nessuno che non sia sua madre o Dio".

Del resto, non sembra essere questo il primo scivolone di Beyoncé, che venne già accusata di plagio per la realizzazione del video di Countdown, che - come scrive l'Huffington - "riproduceva una parte del lavoro della coreografa Anna Teresa de Keersmaeker" e per la performance ai Grammy's del 2010, "in cui la cantante si sarebbe ispirata all'artista italiana Lorella Cuccarini".

Ecco i brani a confronto. Cosa ne pensate?