Biaggi senza moto diventa caso politico

da Roma

Max Biaggi senza moto e che rischia di non essere al via del prossimo mondiale diventa un caso politico. Il senatore Giuseppe Scalera, responsabile Sport della Margherita, si è rivolto al ministro dei Beni Culturali Rocco Buttiglione, delle Attività Produttive Claudio Scajola e al sottosegretario Mario Pescante per sapere quali iniziative intendano adottare nei confronti della Honda, che non ha rinnovato il contratto al centauro. «Sportivi come Max Biaggi - osserva Scalera - sono una risorsa per il Paese e come tali devono essere tutelati anche e soprattutto quando la loro carriera viene messa a rischio da motivi che nulla hanno a che vedere con i risultati ottenuti». In gioco, secondo Scalera, non c'è solo il futuro di Biaggi, ma anche gli interessi Honda in Italia. «Qualora quanto riportato dovesse trovare conferma - scrive ancora nell’interrogazione - vorrei sapere quali provvedimenti si intendono adottare nei confronti della società giapponese, il cui comportamento colpisce un rappresentante dello sport italiano».