Di Biagio-Milanetto Brescia continua a sperare

Alessandro Carini

da Brescia

Le vaghe speranze Uefa del Messina contro la stringente necessità del Brescia di vincere per dare concretezza alla rimonta salvezza: non c'era paragone tra la carica motivazionale di siciliani e lombardi e sul campo del Rigamonti si è visto. Il Brescia ha così conquistato 3 punti che oggi lo pongono in salvo, prima della trasferta verità di domenica prossima a Firenze. La vittoria della squadra allenata da Cavasin, che doveva fare a meno del bomber Caracciolo e dell'altro attaccante Del Nero, è arrivata solo nella ripresa, ma già nel primo tempo, complice la non troppo convinta opposizione dei peloritani, Di Biagio e compagni avevano sfiorato ripetutamente il vantaggio. Al 26' Vonlanthen sprecava solo davanti a Elefteropoulos, un minuto dopo Milanetto sfiorava il palo con un destro dal limite, quindi (29') Nygaard chiamava il portiere ospite alla prodezza.
Il Messina si vedeva con un bel diagonale di Amoruso fuori di poco al 13', poi solo Brescia. Il vantaggio arrivava al 17' con capitan Di Biagio, pronto a colpire di testa sul primo palo su corner di Wome (uno schema che il giocatore aveva appreso con risultati positivi già nell’Inter); 10 minuti dopo raddoppiava Milanetto, sempre di testa su angolo. La rete degli ospiti arrivava allo scadere, autore Amoruso con un destro preciso.

Annunci

Altri articoli