Bianca: pesce, carne e quell’asterisco da applaudire

Tanti si stupiscono che Bianca, ristorante e altro ancora, sia interamente color bianco. Mi ricorda quel «di che colore è il cavallo bianco di Napoleone?», forse nero?
Prende il posto, dopo consistente chiusura e profonda ristrutturazione, di quello che è stato un bar di ottimi cocktail ed happy hour al numero 10 di via Panizza, zona corso Vercelli-piazzale Baracca, 02. 45409037, spaziobianca.it.
I titolari sono gli stessi di uno dei più affidabili indirizzi di tradizione meneghina, la Pesa, al 26 di via Fantoni, 02.4035907, che nel loro nuovo indirizzo seguono tutt’altra linea, più sbarazzina, pesce e carne con brio.
Il locale si sviluppa su due livelli, strada e cantina, e una migliore insonorizzazione non guasterebbe, anche se nella Milano odierna molti cercano più i rumori che i ragionamenti. La cosa che più si ha positivamente colpito non è una preparazione, bensì un asterisco in carta accanto alle voci Gamberi alla catalana, Variante di polipo, Gambero al timo e Costina d’agnello. Sta per «prodotto congelato all’origine» e non un generico e per me un po’ truffaldino «in casi di forza maggiore alcuni ingredienti possono essere congelati». Sì, ma quali quel giorno? Non lo sai mai. Da Bianca sì ed è una prova di serietà.