Bianco, rosso e con lo stemma: ecco il panettone per tutto l’anno

Panettone solo a Natale e gelato solo d’estate? Niente di più sbagliato. Gli imprenditori milanesi cavalcano l’appello lanciato a suo tempo dal sindaco Letizia Moratti e sdoganano le due specialità proponendole per tutto l’anno

Panettone solo a Natale e gelato solo d’estate? Niente di più sbagliato. Gli imprenditori milanesi cavalcano l’appello lanciato a suo tempo dal sindaco Letizia Moratti e sdoganano le due specialità proponendole per tutto l’anno. La prima alleanza per promuovere i due dolci 12 mesi su 12 è stata sancita dal produttore di panettoni vicentino Dario Loison in trasferta e dai due manager Lorenzo Marconi e Andrea Portolani, fondatori della catena di gelaterie artigianali «Le Botteghe di Leonardo». La Moratti aveva lanciato l’idea: «Il panettone sia simbolo dell’eccellenza della gastronomia meneghina e simbolo del made in Italy. Valorizziamolo abbinandolo a frutta, gelato e vino». Ora il suo appello trova una risposta.
A Milano approda una varietà di panettoni da lasciare senza parole anche i seguaci più fedeli del classico dolce natalizio. Sì, c’è anche la versione tradizionale, ma quest’anno il menù di dicembre propone anche il panettone al mandarino, il panettone senza canditi all'amarena, il panettone al fico, quello al Torcolato Maculan senza canditi e con uvetta imbevuta 72 ore nel passito. E poi il panettone Milano, impacchettato in una confezione ad hoc che ripropone, in bianco e rosso, lo stemma milanese e la grafica del Comune di Milano. E il gelato che c’entra? C’entra eccome: ovviamente rivisitato in versione natalizia. Ecco che nelle vaschette dicembrine strabocca il gusto crema al panettone. Non solo: panettone e gelato vanno a braccetto anche in altre ricette, come il «barattolino» o il panettone farcito con gelato.
«La sfida - commenta lo chef Dario Loison - è quella di allontanarsi dagli stereotipi e dai luoghi comuni, che tendono a ghettizzare i consumi alimentari».