Biasotti anti Vincenzi per battere Burlando

Altro che posto fisso. Lui, Sandro Biasotti, è la flessibilità del lavoro in barba e ossa. Vendeva auto, ha fatto il presidente della Regione. Ora si è fatto addirittura un partito.
Un partito, giusto? Non più un movimento?
«Ci teniamo a fare le cose per bene. Non siamo un partito nel senso che non abbiamo congressi e cose simili. Ma non per questo vogliamo essere degli sporvveduti».
Beh, fate una lista Biasotti. E Biasotti non è candidato. Non è certo una lista del presidente.
«È vero, questa è la prima volta. In questo senso è un’anomalia. Molti magari credono che io sia candidato, e ci sarà chi scriverà (...)
SEGUE A PAGINA 47