Bicocca, il rettore diventa un corallo

L’università Bicocca e il suo rettore, il professor Marcello Fontanesi, finiranno nei libri. Oggetto di studio e di domande d’esame dopo che, per festeggiare il decennale dell’ateneo, due organismi di nuova scoperta hanno preso il loro nome. A trovarli i ricercatori del laboratorio di zoologia marina del dipartimento Biotecnologie e Bioscienze. Il primo, individuato da Paolo Galli, vive in simbiosi con i pesci del Mar Rosso, è lungo 200 micron ed è stato chiamato «Paradactylogyrus bicoccae» a richiamare, appunto, l’università. Il secondo, scoperto da Francesca Benzoni, è un corallo del nord dell’Oceano Indiano che, in onore del rettore sarà il «Porites fontanesii». L’annuncio ieri durante la presentazione del volume Accadueo H2O (Skira), terzo della serie celebrativa edita dall’ateneo e dedicato alla natura multiforme dell’acqua. La Bicocca, dopo due lustri di attività, annovera oggi 30mila studenti, 5.600 laureati lo scorso anno, 881 docenti e un personale tecnico-amministrativo di 641 unità. «Vogliamo dimostrare - le parole del rettore Fontanesi durante la celebrazione - che la nostra università punta sulla formazione, sulla qualità e sul merito».